Cento motivi reclamano la partenza. Si parte per entrare in contatto con altre identità umane, per riempire una mappa vuota. Si parte perché si è ancora giovani e si desidera ardentemente essere pervasi dall’eccitazione, sentire lo scricchiolio degli stivali nella polvere; si va perché si è vecchi e si sente il bisogno di capire qualcosa prima che sia troppo tardi. Si parte per vedere quello che succederà.
(Colin Thubron)

Cosa accade Fuori nel mondo?

Iscriviti alla newsletter per non perderti nessun aggiornamento!

ISCRIVITI ORA

ULTIMI ARTICOLI:

Una liquida serata a Cartagena

All’interno di Cartagena vive un’altra città invisibile. Se ne sta nascosta dietro le facciate delle case coloniali, sotto le vie ciottolate e dietro i sorrisi dei venditori di frutta. Non la si può vedere nemmeno sapend [...]

La terra degli stranieri

Sono straniero in terra altrui. Le mie abitudini, i miei vestiti, le mie credenze, il colore della mia pelle e chissà quante altre cose che io non noto sono diverse dalle persone che mi circondano. Mi sforzo al massimo e [...]

Bogotà in 10 murales

Per riuscire a capire una città grande come Bogotà servirebbe molto tempo. Lo stesso che ci vorrebbe per vedere tutti i graffiti e i murales che la decorano. Alcuni si nascondono in stretti vicoli quasi a volersi riparar [...]

I desaparecidos de la Comuna 13 de Medellin

I silenzi non sono tutti uguali. Alcuni riescono ad arrivare dritti allo stomaco anche se partono da un luogo che puoi vedere solo in lontananza. Come un soffio di vento, si fanno spazio tra gli alberi, le case e le gocc [...]

Come (non) raggiungere Salento in Colombia – cronache di un turbolento viaggio colombiano

Siamo da qualche parte in Colombia dove non dovremmo essere. A dire il vero avremmo dovuto raggiungere la nostra destinazione prima del tramonto, ma il sole qui è caduto già un paio d’ore fa. Ora a farla da padrone è la [...]

5 libri di viaggio da regalare a Natale

Poche cose sono sicure nella vita come l’arrivo del natale e la conseguente indecisione su cosa regalare agli amici. Quest’ultima tende a protrarsi fino alla soglia del 25 e a quel punto le soluzioni sono due: buttarsi s [...]

Viaggiare non fa più per me

O meglio, viaggiare come ho fatto finora non fa più per me. Tra le tante qualità che si attribuiscono al viaggiare c’è sicuramente quella del sentirsi liberi. Ma si fa fatica a parlare di libertà quando c’è un fattore co [...]

Prossima fermata: ¡Colombia!

E così domenica vado in Sud America! Più precisamente in Colombia. Che cosa strana, ho sempre pensato che il primo viaggio in questo continente sarebbe stato in Argentina, invece, quasi senza accorgermene, mi ritroverò n [...]

Leggi tutti gli articoli
Amos Sandri
Amos Sandri
Si il nome è strano e no, non sono spagnolo, anche se la Spagna è una mia grande passione, così come il Sud America, l’Asia, il calcio, gli autobus sgangherati, i posti disordinati e la gente semplice.
Cosa non mi appassiona? L’oroscopo. Ma solo perché sono del Leone.
Scopri di più nell’About.