Cento motivi reclamano la partenza. Si parte per entrare in contatto con altre identità umane, per riempire una mappa vuota. Si parte perché si è ancora giovani e si desidera ardentemente essere pervasi dall’eccitazione, sentire lo scricchiolio degli stivali nella polvere; si va perché si è vecchi e si sente il bisogno di capire qualcosa prima che sia troppo tardi. Si parte per vedere quello che succederà.
(Colin Thubron)

Cosa accade Fuori nel mondo?

Iscriviti alla newsletter per non perderti nessun aggiornamento!

ISCRIVITI ORA

ULTIMI ARTICOLI:

Volti patagonici #2: “J. en el aire libre”

I piedi seguono nervosamente il ritmo della musica. Avvolti da due scarpe di diversi colori, fattezze e origini, battono il tempo contro lo sgabello di legno. Racchiuso in un paio di pantaloni scuri se ne sta in disparte [...]

Dispacci argentini #7: novità non previste dalla cordigliera

Sono arrivato dove volevo arrivare. Non avendo una meta ben precisa è stato abbastanza facile oltre che inevitabile. Come spiegavo prima di partire non erano previsti articoli in tempo reale, un po' come la neve che sta [...]

Dispacci argentini #6: Sulla strada per la fine del mondo

Domani partirò per l'estremo Sud argentino. Potrei dire che è stata un'idea ben ponderata e pianificata da tempo ma mentirei. L'intenzione è quella di lasciare Villa Regina per andare fino ad Ushuaia, giù nella punta, e [...]

Dispacci argentini #5: Il galeone blu punta a nord

C'è una freccia blu che da ormai 20 ore taglia in due l'asfalto e prova a risalire l'intera Argentina per portarmi a nord, nella provincia di Salta. Alle 20.30 puntuale ha lasciato la stazione di Villa Regina ed è scivol [...]

Dispacci argentini #4: il punto della situazione

La panchina della stazione dei bus non è molto confortevole. A dirla tutta non è nemmeno una panchina, è più una fila di sedie di plastica legate tra loro da delle fascette. Sarà l'incomodità di questa attesa o forse lo [...]

Volti patagonici: “Il giovane P.”

Una coppia di fulmini rimbomba e rischiara quei tondi cerchi marroni. Al loro interno la si vede pian piano emergere dalla profondità: in preda a grosse onde e forti correnti, una piccola barca di carta lotta contro l’in [...]

Dispacci argentini #3: che forma ha la paura?

Ci siamo. Domani è il giorno in cui metterò piede nel barrio El Sauce, la Villa o favela che dir si voglia. Ci sono passato in macchina il primo giorno che sono arrivato e ho provato un sacco di cose. Inadeguatezza, incr [...]

Dispacci argentini #2: ¡Benvenuto in Argentina!

“Hanno ammazzato un taxista, per questo siamo in ritardo. L’accesso al parcheggio dell’aeroporto è bloccato, raggiungici dove vedi i lampeggianti della polizia”. È con questa breve telefonata che il mio contatto in Argen [...]

Leggi tutti gli articoli
Amos Sandri
Amos Sandri
Si il nome è strano e no, non sono spagnolo, anche se la Spagna è una mia grande passione, così come il Sud America, l’Asia, il calcio, gli autobus sgangherati, i posti disordinati e la gente semplice.
Cosa non mi appassiona? L’oroscopo. Ma solo perché sono del Leone.
Scopri di più nell’About.