Cento motivi reclamano la partenza. Si parte per entrare in contatto con altre identità umane, per riempire una mappa vuota. Si parte perché si è ancora giovani e si desidera ardentemente essere pervasi dall’eccitazione, sentire lo scricchiolio degli stivali nella polvere; si va perché si è vecchi e si sente il bisogno di capire qualcosa prima che sia troppo tardi. Si parte per vedere quello che succederà.
(Colin Thubron)

Cosa accade Fuori nel mondo?

Iscriviti alla newsletter per non perderti nessun aggiornamento!

ISCRIVITI ORA

ULTIMI ARTICOLI:

Volti patagonici: “Il giovane P.”

Una coppia di fulmini rimbomba e rischiara quei tondi cerchi marroni. Al loro interno la si vede pian piano emergere dalla profondità: in preda a grosse onde e forti correnti, una piccola barca di carta lotta contro l’in [...]

Dispacci argentini #3: che forma ha la paura?

Ci siamo. Domani è il giorno in cui metterò piede nel barrio El Sauce, la Villa o favela che dir si voglia. Ci sono passato in macchina il primo giorno che sono arrivato e ho provato un sacco di cose. Inadeguatezza, incr [...]

Dispacci argentini #2: ¡Benvenuto in Argentina!

“Hanno ammazzato un taxista, per questo siamo in ritardo. L’accesso al parcheggio dell’aeroporto è bloccato, raggiungici dove vedi i lampeggianti della polizia”. È con questa breve telefonata che il mio contatto in Argen [...]

Dispacci argentini #1: Tempo liquido

Non sono sicuro sia davvero il 13 luglio oggi, forse lo era già ieri e chissà in quale posto ha cominciato a non essere più il 12. Il tempo si è fermato o forse si è fatto in quattro, magari in cinque o sei, probabilment [...]

!Próxima estación: Argentina!

Nel dicembre 2017, appena rientrato dalla Colombia, scrissi questo articolo dove spiegavo come avrei voluto viaggiare nel futuro. A distanza di quasi due anni, dopo parecchio lavoro, lunghe ricerche, porte chiuse in facc [...]

La Comuna 13 spiegata in 10 graffiti

Tempo fa scrissi un articolo sui desaparecidos della Comuna 13, un quartiere di Medellín che fino agli anni novanta era considerato il più pericoloso al mondo. Ebbi modo di visitarlo grazie a Casa Kolacho, un gruppo di g [...]

I migliori articoli del 2018 su Fuori nel Mondo

Credo di non aver mai scelto un titolo così sbagliato per un articolo. Il fatto poi che me ne accorga già alla prima riga dovrebbe farmi desistere dal continuare, ma dubito lo farò.Per prima cosa è sbagliato perché quell [...]

Lettera dall’Amazzonia

Sistemando la scrivania ho trovato degli appunti scritti nel bel mezzo dell'Amazzonia circa un anno fa. Il sole era da poco tramontato e me ne stavo su di un'amaca con il gracidio delle rane che facevano da sottofondo. I [...]

Leggi tutti gli articoli
Amos Sandri
Amos Sandri
Si il nome è strano e no, non sono spagnolo, anche se la Spagna è una mia grande passione, così come il Sud America, l’Asia, il calcio, gli autobus sgangherati, i posti disordinati e la gente semplice.
Cosa non mi appassiona? L’oroscopo. Ma solo perché sono del Leone.
Scopri di più nell’About.